Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Quid Informatica sviluppa la tecnologia blockchain per la tracciabilità del ciclo di produzione della gdo

Quid Informatica, società specializzata nello sviluppo di software e it consulting per il mondo finanziario e industriale, dal 2019 ha sviluppato il progetto “SeaFactory itticoltura 4.0” per la raccolta dei dati in mare e terra per il tracciamento del prodotto ittico. Creato da ingegneri informatici del centro  di QiLab – laboratorio e centro tecnologico di Quid Informatica, il progetto vede il supporto della Regione Toscana tramite fondi europei, la collaborazione dell’Università di Siena, come sito di sperimentazione e guida dei processi, e la società Agroittica Toscana come primo partner.

La tecnologia blockchain può essere applicata in tutti gli ambiti dell’agroalimentare per gestire il monitoraggio di qualsiasi prodotto ma, soprattutto, rappresentare e garantire la qualità; costituisce al contempo una leva di marketing perché ne giustifica il valore economico con il quale viene proposto al mercato. Tale tecnologia dopo essere stata sperimentata nell’ambito ittico è diventata una forma di servizio cloud denominato “Qi made in trust”, che coniuga internet of things, intelligenza artificiale e blockchain per tracciare, rintracciare e garantire la “veridicità” dei prodotti.

“Grazie alla tecnologia blockchain – ha detto Marco Morana, direttore commerciale industry, erp e iniziative speciali di Quid Informatica – abbiamo tracciato il ciclo di produzione, in questo caso ittico, permettendo alla gdo, e in futuro anche ai consumatori finali, di conoscere la ‘verità digitale’ del prodotto, ovvero come il pesce è stato allevato, seminato, curato, in che ambiente è vissuto, come è cresciuto, dove è stato pescato e trasportato e come e quando è arrivato negli scaffali della grande distribuzione. L’ottimizzazione del processo di alimentazione del prodotto d’allevamento potrà essere verificata, in futuro, anche dal consumatore finale, tramite il qr code. Questo passaggio è un ambito di potenziale sviluppo, per ora ne beneficia l’elemento intermedio della filiera, l’allevatore-distributore”.

Lascia un commento