Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

La piattaforma Neosperience Cloud associa l’ia a un approccio umanistico per migliorare l’experience degli utenti

Digital Experience

Dalla vision di Neosperience, società che si è recentemente quotata alla Borsa Italiana e che ha un portfolio clienti che va da Esselunga a Prada, da L’Oréal a Mattel, è nato l’approccio all’intelligenza artificiale di Neosperience Cloud, la piattaforma che trasforma la digital customer experience offrendo ai clienti un’esperienza più efficace e personale.

Per migliorare la comunicazione delle aziende con i clienti Neosperience Cloud fa scaturire un mix di nuove soluzioni nel dominio della digital experience. Fra queste: la misurazione dell’efficacia e della memorabilità delle immagini delle campagne pubblicitarie, la comprensione del comportamento dei clienti prima, durante e dopo l’esperienza online e nel punto vendita, l’aumento dell’engagement con la gamification, la generazione dei ricavi ricorrenti trasformando la loyalty in membership e tanto altro.

“Si dice spesso – spiega Dario Melpignano, presidente di Neosperience – che le persone prendono decisioni di pancia. E non è un caso, perché è un processo intuitivo, in cui il pensiero razionale interviene in una fase successiva a validare le decisioni prese a livello subconscio e non verbale. Il limite dei touchpoint digitali è che il loro processo relazionale è invece verbale e così l’intelligenza artificiale, pur analizzando il linguaggio, perde la gran parte del contenuto della comunicazione. Per questo in Neosperience Cloud abbiamo incapsulato e messo a disposizione dei nostri clienti le competenze di psicologia cognitiva, comportamentale e sociale insieme alle competenze di analisi quantitativa, ossia statistiche, matematiche e informatiche. Grazie a questo connubio unico abbiamo messo a sistema la dimensione più umanistica di analisi con la capacità dei sistemi informatici di elaborare grandi volumi di dati e di correlarli alla personalità di ciascun cliente, partendo sia dalla voice of customer esplicita sia dai dati analitici che sono fisicamente le tracce che una persona lascia navigando un sito e usando un’app”.

Lascia un commento