Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Intelligenza artificiale e automazione al centro della piattaforma di Myntelligence per capitalizzare i big data e rendere l’adv più efficiente e sostenibile

Myntelligence, tech company che fornisce agli advertiser una piattaforma di advertising automation per gestire in un unico luogo e in ottica multicanale gli investimenti media sulle varie piattaforme – ha lanciato una piattaforma che gestisce tutti gli investimenti advertising crosscanale sfruttando l’intelligenza artificiale e l’automazione per creare e ottimizzare le campagne in modalità full-funnel.

La piattaforma è in grado non solo di automatizzare tutto il processo di campaign management, dal brief alla reportistica, passando per la pianificazione, l’attivazione e il trafficking, ma anche di analizzare la mole di dati che vengono prodotti dall’insieme dell’ecosistema multicanale producendo ottimizzazioni in tempo reale.

Con l’obiettivo di migliorare ulteriormente il processo di gestione dei media, la piattaforma è dotata di due nuove funzioni di predictive planning e Facebook conversion Api.

“Sono due importanti innovazioni – ha affermato Silvia Cariolo, product lead di Myntelligence – che consentono da un lato di capitalizzare la moltitudine di  segnali raccolti durante le campagne e utilizzarli per una sempre maggiore efficienza e dall’altro di aiutare le aziende a offrire esperienze pubblicitarie personalizzate, mantenendo il controllo dei dati scambiati con Facebook, senza però dover fare affidamento su strumenti basati su browser come i cookie”.

Il predictive planning è in grado di ottenere una previsione affidabile e accurata dei risultati della campagna sulla base di analisi dello storico e sui livelli di saturazione di ciascuna metrica (clic, conversion, impression, ecc.), definendo la corretta allocazione della spesa non solo a livello di canale ma per ciascun media, mentre Facebook conversion Api  consente ai brand di condividere eventi, comprese le conversioni offsite direttamente dal proprio server a quello di Facebook, eliminando la dipendenza dal browser per il monitoraggio dei dati degli utenti. Le Api della nuova funzionalità permettono, infatti, di passare a Facebook in modalità server-to-server tutte le conversioni che la campagna adv ha raccolto, con il vantaggio di non avere tracciamenti e perdita di dati, per una visione completa e precisa della campagna e del customer journey dei clienti.

Lascia un commento