Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Il commercio digitale italiano nel primo trimestre 2021 è cresciuto del 78% secondo il Salesforce Shopping Index

Nel primo trimestre del 2021 il commercio digitale globale è cresciuto del 58% su base annua, ben al di sopra dei livelli pre-Covid (il tasso di crescita del primo trimestre 2020 era infatti del 17%), confermando come il fenomeno degli acquisti digitali è ormai entrato nelle abitudini di acquisto dei consumatori. L’Italia ha registrato una crescita addirittura del 78%, posizionandosi al quarto posto tra i paesi con il maggior aumento percentuale dopo Canada, Olanda e Regno Unito.

È quanto emerge dai dati relativi al primo trimestre del 2021 dello Shopping Index, il report trimestrale di Salesforce che indaga i trend dello shopping online attraverso i dati di oltre un miliardo di consumatori in più di 40 paesi grazie a Commerce Cloud.

Tra le altre evidenze emerge che a livello mondiale il traffico sui siti di ecommerce è aumentato del 27% su base annua (rispettivamente 28% su pc e 29% su dispositivi mobili) e che la crescita degli ordini è aumentata del 46% (34% su pc e 59% su dispositivi mobili).

Le categorie di prodotti che hanno registrato la crescita di fatturato maggiore nel primo trimestre, sempre su base annua, sono articoli sportivi (101%), elettrodomestici (96%), borse di lusso (95%). Le categorie di prodotti che hanno registrato la crescita minore sono invece abbigliamento sportivo (42%), prodotti per la casa, cucina e arredamento (40%), borse e valigie (8%).

In Italia la crescita del commercio digitale che, come si è visto, è risultata essere del 78% nel primo trimestre, è stata considerevole, al di sopra di quella globale e del tasso di crescita del primo trimestre 2020, che si attestava al 26%. La crescita del traffico generato da mobile è passata dal 21% del trimestre precedente al 24% nel primo trimestre del 2021, mentre si è dimezzata quella del traffico generato da pc si è dimezzato, passando dal 40% dell’ultimo trimestre del 2020 al 20% nel primo trimestre 2021. Un dato che mostra comunque una crescita rispetto al primo trimestre 2020, quando il traffico generato da pc si attestava al 12%.

L’Italia risulta tra i paesi con i tassi di conversione più bassi al mondo (1,1%) insieme a Giappone (1,2%) e Spagna (1%).

“I negozianti – ha commentato Gianluca De Cristofaro, regional vicepresident per Salesforce Commerce Cloud sul mercato italiano – sono stati costretti a un’importante discontinuità lo scorso anno, dovendo reagire all’afflusso di nuovi consumatori digitali e adottando così nuove tecniche di vendita come il ritiro in negozio o tramite punti di raccolta. La crescita del commercio digitale nel primo trimestre è il segnale che i rivenditori dovranno continuare a incrementare i loro investimenti nel digitale, mentre saranno impegnati nel riorganizzare l’esperienza nel punto di vendita. In definitiva, i negozi devono offrire un equilibrio di esperienze contactless e immersive per soddisfare le diverse esigenze dei consumatori”.

Lascia un commento