Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Autodidatta, legata alle comunità digitali e impegnata con i brand. Così è la gen Z secondo il report annuale di Spotify

Alberto Mazzieri, director of sales di Spotify Italia.

Spotify ha annunciato i risultati di “Culture Next“, il rapporto globale annuale sulle tendenze che definiscono la Generazione Z e i Millennial, i cui dati mettono in luce spunti e chiavi di lettura interessanti per gli esperti di marketing e advertising che vogliono connettersi con questo target.

Tra i principali trend individuati, il primo è “La generazione Z parte da zero“: quasi la metà dei giovani della Gen Z crede che le generazioni più vecchie non possono essere per loro una guida verso l’età adulta, percentuale che è salita al 67% durante il mese di luglio.

Il 52% degli appartenenti alla Gen Z afferma anche di essere sempre più diffidente nei confronti delle grandi istituzioni, e il 35% degli Z italiani considera un piano di istruzione diverso dalla laurea subito dopo il liceo. Infine, il 94% degli Z e dei Millennial italiani ha detto di amare capire come nascono le idee e far parte del processo creativo, un segnale, secondo Spotify, di quanto sia importante oggi per i brand di relazionarsi con questo target confrontandosi con ragazzi he hanno una mentalità da creatori/imprenditori.

Il secondo trend individuato è “Le famiglie accolgono l’audio a casa“: podcast e smart speaker stanno entrando sempre più nelle case delle persone e in Italia si sta affermando l’idea che il ruolo dell’audio sia importante per la crescita dei più giovani e per alimentare connessioni familiari.

La scoperta di sé crea la comunità” è il terzo trend evidenziato dalla ricerca. Il 73% della Generazione Z e dei Millennial ha affermato che oggi è più facile sentirsi connessi a una comunità grazie alle piattaforme digitali e il 67% degli intervistati ha affermato che i brand hanno il potere di creare comunità basate su interessi e passioni comuni. È anche compito dei brand, quindi, aiutare i più giovani a celebrare la propria identità ed è fondamentale che gli esperti di marketing calibrino le proprie strategie includendo interessi specifici, raggiungano community appassionate e siano consapevoli di quali dispositivi vengono usati dal loro pubblico.

I giovani si aspettano che i brand prendano una posizione, ma ciò che vogliono davvero sono coinvolgimento e ispirazione, anziché un semplice atteggiamento: la quarta macrotendenza individuata è “Il progresso supera i pregiudizi“. Il 96% h della Gen Z e dei Millennial italiani intervistati ha affermato che i brand dovrebbero avere uno scopo e l’88% crede che debbano portare valore genuino alla società e non solo vendere prodotti.  I marchi, secondo Spotify, devono aumentare la trasparenza nelle pratiche aziendali per mostrare alle comunità ciò per cui si battono, supportare i movimenti in cui credono e assicurarsi che il messaggio sia autentico e distintivo.

L’audio diventa più intelligente” è l’ultimo trend rilevato dalla ricerca della piattaforma di streaming musicale, che individua nel formato audio uno strumento adatto per collegarsi in maniera più intima e diretta con i più giovani.

“In un anno di cambiamenti drastici e di costante incertezza – ha commentato Alberto Mazzieri, director of sales di Spotify Italia – crediamo che questo report sia particolarmente rilevante e che mostri in che direzione stia andando la società. I giovani della Generazione Z e i Millennial con cui abbiamo parlato sono pieni di ispirazione, passione e  spingono per rendere la società più innovativa, inclusiva e giusta”.

Il report Culture Next 2020 in italiano a questo link.

Lascia un commento