Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Secondo il Q1 Shopping Index di Salesforce con il lockdown sono cresciuti del 20% gli acquisti online e gli eshopper sono aumentati del 40%

Un passaggio drastico dall’acquisto fisico a quello digitale e aumento del 40% su base annua del numero di acquirenti digitali unici. Questo è in estrema sintesi quanto emerge dall’ultimo report trimestrale ​Q1 Shopping Index di Salesforce, che si basa sui dati raccolti sulla piattaforma Commerce Cloud e analizza i dati relativi all’attività di oltre 1 miliardo di consumatori in tutto il mondo.

I punti salienti del commercio elettronico rilevati nel il primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo nel 2019 sono relativi a una crescita del 20% dei ricavi (rispetto alla crescita del 12% nel primo trimestre 2019) alla crescita del 16% del traffico digitale e del  4% della spesa per acquirente (l’importo medio speso dagli acquirenti per ogni visita).

Con l’implementazione delle politiche di ​lockdown in tutte le città del mondo, la domanda di beni essenziali è salita a livelli senza precedenti: tra il 10 e il 20 marzo, la spesa per beni essenziali attraverso i canali digitali è cresciuta del 200%, rimanendo elevata nell’intero trimestre. Fare acquisti in digitale per categorie essenziali, come alimentari e articoli per la cura della persona, è diventato quindi una prassi comune.

La spesa digitale su base annua in alcune importanti categorie di prodotti è cresciuta significativamente: i beni per la casa hanno registrato un aumento pari al 51%, l’abbigliamento sportivo un picco del 31% e giocattoli e giochi una crescita del 34%.

Negli ultimi 15 giorni del trimestre si è registrato un aumento del 41% delle entrate digitali. Con l’aumento della domanda, conseguente alla chiusura di negozi e dei centri di distribuzione, alcuni rivenditori hanno faticato a stare dietro alla raccolta, all’imballaggio e alla spedizione degli ordini. Alcuni hanno tentato di accelerare e riorganizzare le catene di approvvigionamento per offrire punti di ritiro e consegne a domicilio nelle vicinanze. La flessibilità e la creazione di connessioni digitali con i propri clienti sono e saranno fondamentali per resistere a questo momento di incertezza.

Lascia un commento