Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

Gli italiani amano lo shopping ma sono attenti al risparmio e utilizzano app di pianificazione delle spese

Amano fare acquisti, ma senza esagerare in spese “pazze”. Sono consapevoli delle proprie capacità di spesa e danno grande importanza al risparmio. Sono queste le caratteristiche salienti degli shopper italiani che emergono da una ricerca della società specializzata in soluzioni e servizi di pagamento e di acquisto Klarna che indaga il rapporto dei consumatori con il denaro e le loro abitudini in termini di gestione delle spese.

La survey, che è stata realizzata da Toluna il 18 marzo mediante interviste a un campione di 1.078 italiani di età superiore ai 18 anni, evidenzia che più di 8 italiani su 10 non rinunciano allo shopping, ma lo fanno in maniera oculata: quasi 9 intervistati su 10 (89%), infatti, confermano di riuscire a gestire entrate e uscite in modo da risparmiare tutti i mesi e solo il 4% si lascia andare allo shopping sfrenato.

Il 44% acquista ciò che piace, pur facendo attenzione a non sforare un limite di budget prestabilito, mentre il 20% preferisce aspettare i saldi per soddisfare i propri desideri. Un ulteriore 18% ha ammesso di cedere talvolta alla tentazione, ma è capace poi di frenarsi negli acquisti successivi. C’è infine un 13% che sembra essere votato al risparmio e che dichiara di comprare solo ciò che si può effettivamente permettere, se non il minimo indispensabile.

Inoltre 1 italiano su 2 a mette da parte somme costanti su base mensile. Un altro 38% degli intervistati pur senza tale regolarità riesce comunque a risparmiare qualcosa tutti i mesi, mentre un ulteriore 10% – pur spendendo tutto ciò che guadagna – fa attenzione a non andare in rosso sul conto.

La predisposizione al risparmio sembra non aver risentito del cambio di passo che si è registrato negli ultimi 12 mesi. Nonostante il 74% degli intervistati abbia confermato di aver iniziato a fare maggior ricorso ai pagamenti cashless con il diffondersi della pandemia, più di 2 su 3 (69%) hanno spiegato di non essere portati a spendere di più facendo uso di sistemi elettronici.

Per avere sottocchio le proprie finanze il 47% degli intervistati controlla i movimenti bancari settimanalmente, il 25% ogni giorno. Per pianificare le spese, infine, si sta diffondendo l’utilizzo di app, utilizzate ormai da 2 italiani su 3: il 35% in particolare utilizza app di terze parti, il 32% si affida alle app di digital banking della propria banca. I più riottosi in tal senso sono gli over 55: quasi la metà di essi continua a preferire l’estratto conto cartaceo rispetto alla gestione tramite smartphone o pc.

Lascia un commento