Widget Image
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna

Sorry, no posts matched your criteria.

BSamply punta sui fornitori green per migliorare l’experience dei brand della moda

Bsamply, società nata nel 2017 e specializzata nel digital fashion per il b2b punta a estendere i propri servizi ai buyer e ai marchi della moda includendo la sostenibilità.

La piattaforma di Bsamply, attraverso cui i brand della moda possono trovare e ordinare i tessuti, i pellami e gli accessori dei più qualificati fornitori, mettersi in contatto con i confezionisti e gestire la vendita dei propri articoli, annovera oggi 6.000 brand e oltre 100 fornitori registrati, dei quali il 70% italiani e il 30% internazionali. Tra le novità più recenti, l’introduzione di una sezione per pelli, packaging e accessori (come bottoni, nastri e cerniere) in materie prime sostenibili e, a giugno, un’area dedicata all’interior design.

Tra i fornitori di materiali sostenibili figurano, per esempio, l’azienda madrilena Pyratex, la conceria francese Ictyos, che ricava i capi dalla lavorazione della pelle di pesce proveniente dagli scarti dell’industria alimentare, e la svedese We Are Spindye, che ha sviluppato un metodo di colorazione più sostenibile rispetto al processo di tintura tradizionale, capace di ridurre l’utilizzo d’acqua nella filiera produttiva del 75% e la carbon footprint del 30%.

Andrea Fiume, ceo di Bsamply.

“Abbiamo diversi progetti in cantiere per quest’anno – ha detto Andrea Fiume, ceo di Bsamply – primo tra tutti una sezione completamente dedicata ai materiali sostenibili, così che le case di moda interessate siano facilitate nel processo e possano trovare più velocemente ciò di cui hanno bisogno. Un’intuizione per migliorare la user experience dei buyer, ma anche un’esigenza nata dall’entrata nel nostro portafoglio clienti di brand prestigiosi, italiani e internazionali, che come noi credono nell’importanza dell’economia circolare e agiscono concretamente per rendere la fashion industry, responsabile del 10% delle emissioni globali annue, più green. Inoltre, da metà aprile lanceremo anche l’app Bsamply da cui buyer e fornitori potranno visionare i prodotti, fare campionature e scambiarsi messaggi in tempo reale, mentre per giugno è previsto un aggiornamento completo della piattaforma che porterà con sé nuove funzionalità”.

Lascia un commento